Attendere prego, invio in corso
AREA OPERATORI               
Login Registrati»
Password?
Notizie
13/03/2010 - Louis Vuitton Trophy: vincono le italiane

Auckland, 13 marzo - Nel quarto giorno del Louis Vuitton Trophy Auckland le due barche italiane incassano due vittorie importanti. Per Azzurra significa il secondo posto in classifica dietro l’intoccabile New Zealand, mentre per Mascalzone Latino Audi Team significa tenere aperta la regata: per lui infatti chiudere la giornata con un solo punto era molto pericoloso.

Azzurra correva nel terzo match del giorno, dopo che Emirates Team New Zealand aveva battuto bene (e come potrebbe essere diversamente…), la barca francotedesca All4One per 26”, mentre Team Origin concludeva davanti ad Aleph con due minuti e 11 secondi, complice una penalità conquistata in partenza.
Per una collisione tra le due barche in partenza, Aleph viene anche penalizzato di un punto in classifica.
Azzurra scendeva in campo ancora una volta intimorita dal vento sostenuto, l’avversario era Artemis di Paul Cayard e Terry Hutchinson, coppia temibile che infatti ha sostanzialmente vinto la partenza e controllato molto bene gli italiani nella prima bolina. Il vantaggio degli svedesi, 44”, poteva essere sufficiente a girare la boa con tranquillità e iniziare a navigare verso il cancello di poppa. Invece a bordo della barca svedese si scompongono: il tangone casca in acqua e viene trascinato verso poppa, si schianta sulle sartie e trascina il gennaker sotto la barca. Artemis a quel punto è ferma, non può navigare e Azzurra la sorpassa a tutta velocità. Gli svedesi non possono fare altro che ritirarsi mentre Azzurra porta a casa un punto prezioso.
Il commodoro dello Yacht Club Costa Smeralda, Riccardo Bonadeo, dice: “E’ un punto importante, ci serve e ce lo teniamo… ma a noi non piace davvero vincere così, per abbandono”.

Nella quarta regata Mascalzone Latino Audi team incontrava i russi di Synergy. In partenza Karol Jablonsky, come altre volte, riesce a conquistare la posizione che vuole, mentre Mascalzone cerca di spingerlo oltre la linea in anticipo ma poi parte con un certo ritardo ed è costretto a inseguire. A metà bolina Jablonsky concede un inspiegabile regalo alla barca italiana, che può “scambiare” e portarsi a navigare a destra.
La posizione le servirà un paio di incroci dopo per inchiodare i russi oltre la layline e portarli in boa con un ritardo di una ventina di secondi. I russi tentano di riaprire la regata lungo il lato di poppa ma non ci riescono neanche quando sulla barca italiana l’ammainata del gennaker non riesce e la grande vela resta avvolta sul genoa.
Per Mascalzone Latino Audi Team con il guidone del Challenger of Record, il Club Nautico Roma, è la seconda vittoria, con soddisfazione nel team italiano.
“Una vittoria importante – dice Flavio Favini –. In partenza abbiamo tentato di spingerlo oltre la linea ma è stato bravo a rimanere dentro, e noi abbiamo pagato con il ritardo sulla linea. Poi abbiamo navigato meglio nella prima bolina e abbiamo sfruttato bene l’opportunità che ci hanno lasciato quando siamo andati sulla destra… oggi essere a destra era oro”.

Nelle regate del quinto giorno Azzurra incontrerĂ  i padroni di casa di Emirates Team New Zealand, mentre a Mascalzone Latino Audi Team tocca Artemis.

Le regate

Azzurra batte Artemis per ritiro dell’avversario.
Terry Hutchinson timoniere e Paul Cayard tattico partono forte contro Azzurra. Gli svedesi inseguono gli italiani spingendoli in fondo al box di partenza prima di tornare verso la linea e partire molto veloci mure a dritta con velocità. Azzurra taglia a centro linea con velocità ma poco dopo è chiaro il vantaggio di Artemis, che naviga meglio di bolina con gli italiani talvolta in controtempo. Alla boa di bolina il vantaggio degli svedesi è di 44 secondi. Ma la soddisfazione dura poco. Durante l’issata il tangone cade in acqua e trascina il gennaker sotto la barca: per Artemis è la fine della regata. Azzurra, che stava inseguendo, riesce a passare indenne e concludere vittoriosa. Dice Terry Hutcinsons: “Lo stopper dell’amantiglio non ha tenuto, il tangone è caduto ed andato in acqua. Il gennaker è stato trascinato sotto la barca ed è finito sul timone. Di certo questa sera avremo qualcosa di cui parlare nel debriefing”.

Mascalzone Latino Audi Team batte Synergy con una vantaggio di 19”.
La regata parte dopo una pausa dovuta ai danni riportati dalle barche nelle prove precedenti. Il polacco Karol Jablonsky e il kiwi Gavin Brady sono carichi di energia. Synergy parte con la bandiera gialla e il vantaggio delle mure a dritta ma Jablonsky sceglie di poggiare sotto Mascalzone Latino Audi Team: è il primo scambio di favori della giornata. Nello scambio concitato che segue, gli Umpire alzano due volte la bandiera verde e Brady porta l’avversario oltre la linea. Ma il polacco è bravo a partire in tempo e in vantaggio. Al primo incrocio è saldamente avanti. Poi però concede agli italiani di andare a navigare sulla destra del campo che diventa favorita. Mascalzone Latino Audi Team passa in testa e ci resta fino alla fine, nonostante un pasticcio nell’ammainata di gennaker, che si avvolge sul genoa.

I match di domani sono: All4One vs Aleph – Azzurra vs Emirates Team New Zealand – Synergy vs TeamOrigin – Artemis vs Mascalzone Latino Audi Team.

Classifica dopo 4 giornate:
Emirates Team New Zealand: 4 punti (4-0)
Azzurra: 3 punti (3-1)
Artemis: 2 punti (2-2)
All4One: 2 punti (2-2)
Mascalzone Latino Audi Team: 2 punti (2-2)
TeamOrigin: 2 punti (2-2)
Aleph: 0 punti (1-3)
Synergy: 0 punti (0-4)

Ufficio Stampa Louis Vuitton Italia
Articoli correlati: Louis Vuitton Trophy
Redazione Velanet

SEZIONE NOTIZIE
  Notizie
Le notizie dal mondo della vela.
Ricerca le più datate in Archivio
Novità
Nuovi prodotti, iniziative, novità.
Ricerca le più datate in Archivio
InfoAziende
I comunicati degli operatori
 
ARGOMENTI
   
ARCIPELAGO
 
Logo Agenzia Del Porto
Logo Centro Nautico Levante
Logo Sud Ovest
 
   Website info    |    Contatti copyright 1996-2012 / Velanet