Attendere prego, invio in corso
AREA OPERATORI               
Login Registrati»
Password?
Notizie
08/03/2010 - Louis Vuitton Trophy

Photo credit: © Paul Todd/outsideimages.co.nz
Iniziano domani a Auckland le regate del Louis Vuitton Trophy, che si concluderanno il 21 marzo.
La prima regata del tocca a Mascalzone Latino Audi Team con il timoniere neozelandese Gavin Brady, che sarà impegnato contro Sebastien Col del team franco tedesco di All4One che ha per skipper il tedesco Jochen Schumann.. Gavin commenta così il suo debutto sulla barca italiana: “Abbiamo un equipaggio fatto con un mix di vecchio e nuovo, con tante diverse attitudini. Il team di Mascalzone ha fatto molto in diverse classi, vincendo campionati importanti, ha una tradizione da rispettare”.

Ad Azzurra tocca la seconda regata contro l’inglese Team Origin. Il timoniere Francesco Bruni dovrà vedersela contro il temibile Ben Ainslie, uno che dalla vela ha già avuto molto: tre medaglie d’oro alle Olimpiadi. Ainslie, che è stato timoniere allenatore di Emirates Team New Zealand, fa finta di essere un principiante: “con queste barche devo ancora imparare”. Francesco Bruni ha portato con il tattico Tommaso Chieffi Azzurra alla vittoria a Nizza, parte tra i favoriti e conosce il campo di regata per la sua partecipazione l’anno scorso alle Pacific Series con il team Joe Fly ora con la barca dello Yacht Club Costa Smeralda e prima con la campagna di Luna Rossa: “Vincere a Nizza è stata una sorpresa e non c’era niente di pronto a casa per festeggiare. Il vento li ci ha un poco favorito, tutti sanno che gli italiani sono più forti con il vento debole. L’anno scorso è stato un grande evento con condizioni diverse e abbiamo imparato molto”.

Terza regata tra il team Artemis di Paul Cayard e i padroni di casa (e favoriti) Emirates Team Nez Zealand. Lo skipper Dean Barker parte con prudenza: .”La cosa fantastica di questa seconda serie a Auckland – dice - è che il livello è certamente elevato, più elevato dell’anno scorso. Molte persone che sono preparate sulla versione cinque delle barche. Dobbiamo regatare bene perché ogni squadra può vincere”.
Paul è presidente di WSTA, l’associazione fondata da quattro sindacati dopo la Coppa del 2007 per tenere vivo il circuito di regate ad alto livello.
“WSTA è molto contenta che la 33 Coppa America sia finita. C’è almeno un’idea di come essere coinvolti nella prossima edizione” dice Cayard aggiunge, “lo dico anche perché uno dei fondatori ha vinto la Coppa poche settimane fa” e prosegue “nel gennaio del 2011 saremo a Hong Kong e stiamo cercando di attivare nuovi eventi per il 2011 e 2012. La generosità di Louis Vuitton che ci è sempre stata vicina non si discute. WSTA è stata una bella idea e li ringraziamo di averci seguito e stimolato”.

Chiude la prima giornata di regate l’incontro tra il team russo Synergy dello skipper Karol Jablonsky contro il francese Aleph di Bertrand Pace.

Per arrivare alla fine del programma saranno disputate 55 regate, tutte a bordo delle due barche di Emirates Team New Zeland, quest’anno sono dotate di vele nuove e identiche per pareggiare le prestazioni.
Articoli correlati: Louis Vuitton Trophy
Redazione Velanet

SEZIONE NOTIZIE
  Notizie
Le notizie dal mondo della vela.
Ricerca le più datate in Archivio
Novità
Nuovi prodotti, iniziative, novità.
Ricerca le più datate in Archivio
InfoAziende
I comunicati degli operatori
 
ARGOMENTI
   
ARCIPELAGO
 
Logo Agenzia Del Porto
Logo Ala Charter
Logo Velscaf
 
   Website info    |    Contatti copyright 1996-2012 / Velanet