Attendere prego, invio in corso
AREA OPERATORI               
Login Registrati»
Password?
Notizie
21/04/2007 - Finalmente regate a Valencia!

©ACM 2007/Photo:Vicent Bosch
Valencia, 20 aprile 2007 – Dopo quattro giorni di ritardo, tocca a BMW ORACLE Racing e a United Internet Team Germany l’onore di sollevare il sipario sulla Louis Vuitton Cup. Grande emozione per l’inizio della fase decisiva della 32ma America’s Cup cominciata, con una serie di preregate, nell’ormai lontano 2004.
Dial up, circling, tacking duel, gancio anticipato, slum dunk... ritornano la lingua e la magia della Louis Vuitton Cup!
Indipendentemente dai risultati, quella di oggi è stata una giornata memorabile per i team di Cina, Germania e Sudafrica, che per la prima volta regatavano in una Louis Vuitton Cup.

Indimenticabile inizio per Mascalzone Latino Capitalia Team, che batte Emirates Team New Zealand, dopo aver dominato l’intera regata, e poi anche il team francese. Più scontati gli altri risultati anche se non sono mancati momenti di tensione sull’acqua. Alla fine della prima giornata della Louis Vuitton Cup, ci sono diverse sorprese in cartellone: Luna Rossa e BMW ORACLE Racing sono in testa alla classifica, Mascalzone Latino CT è passato al terzo posto, mentre i kiwi sono quinti!

La brezza da Est circa 7 nodi, costringe il Comitato a ritardare un po’ le partenze sul campo Romeo (Nord) ma, alla fine si corrono tutti i due Flight previsti per la giornata odierna.
A seguito della decisione del Comitato e della Challenger Commission, sono stati modificati il calendario e il formato di regata. Domani, 21 aprile, si correranno i Flight 3 e 4 del RR1 della Louis Vuitton Cup.

FLIGHT 1
Poco da raccontare sul match tra United Internet Team Germany e BMW ORACLE Racing, che si è presto risolto in favore del team americano. Dickson ha solo dovuto coprire l’avversario per vincere la prima regata della Louis Vuitton Cup. Anche il match tra Luna Rossa e China Team si è chiuso in partenza in favore di James Spithill. A peggiorare le cose, Pierre Mas ha preso anche una penalità. Prima vittoria per il team italiano.
Molto più combattuto il match tra Victory Challenge e Team Shosholoza, il primo team africano in America’s Cup: dopo i classici dial up e circling, Shosholoza taglia in boa mentre Victory sceglie la destra del campo, che si rivela vincente. A metà bolina gli scafi si ritrovano ‘neck to neck’ sulla layline di destra ma sarà Magnus Holmberg a girare la boa in vantaggio (16”) su Paolo Cian. Nella poppa, il vantaggio per Victory aumenta a 19”. Shosholoza abbassa il distacco alla seconda boa di bolina a 11 secondi, non sufficienti, però, per capovolgere la situazione. Victory Challenge festeggia la prima, meritata vittoria.
Star del giorno Mascalzone Latino Capitalia Team, che batte l’ex defender di Coppa Emitares Team New Zealand. Le barche partono centrali mure a dritta, pari, con ETNZ sottovento. MLCT vira subito verso la destra, mentre Barker aspetta a coprire. Troppo, e quando lo farà, Favini sarà già una lunghezza avanti... Bravissimi Vascotto e Favini a scegliere il lato giusto e a difendere il vantaggio acquisito. Alla prima boa, saranno loro a virare per primi con ben 29 secondi di vantaggio. Nella poppa, Barker insegue e NZL 92, velocissima, recupera terreno; al cancello Barker abbassa il distacco a soli 8 secondi! MLCT va a destra mentre i kiwi sono costretti a virare subito sulla sinistra del campo. Nella seconda bolina, le barche s’incontrano molte volte ma, all’ultima boa, è ancora Mascalzone avanti e di nuovo per 29”! Grandissimo l’equipaggio italiano a mantenere la calma e il vantaggio fino al traguardo, tagliato con 15 secondi di vantaggio. Una vittoria indimenticabile per i ‘mascalzoni’.
C’era molta attesa per il match tra + 39 Challenge e Areva Challenge che si rivela, invece meno combattuto del previsto. La barca italiana, che montava ancora l’albero versione 4 prestato da Alinghi, sceglie la sinistra mentre Sebastien Col, va a destra. La scelta francese paga e FRA 93 guadagna subito un po’ di vantaggio. I team iniziano una serie di virate (oltre 20) ma alla prima boa, Col gira con 19” di vantaggio. Percy e il suo equipaggio tentano in tutti i modi di effettuare il sorpasso ma inutilmente. Areva Challenge vince – e convince – nel suo primo match.

FLIGHT 2
Esordio difficile per China Team che subisce la seconda sconfitta di oggi, con BMW ORACLE Racing. Caricato dalla facile vittoria sui tedeschi, Chris Dickson non fatica a staccare Pierre Mas e a mettere a segno la seconda vittoria della giornata.
Più combattuto del previsto, invece, il match tra i United internet Team Germany e Shosholoza. Partiti a sinistra e decisi a difendere quel lato del campo, i ragazzi di Cape Town faticano nella prima bolina, a tenere a distanza Jesper Bank. Dopo oltre 22 virate, Cian gira la boa in testa per 16” secondi. Il resto della regata vede la barca sudafricana sempre in testa ma mai ‘rilassata’: Jesper bank infatti, insegue sino all’ultimo. Alla fine di un faticoso tack duel, Shosholoza è ancora in testa alla seconda boa. Nell’ultima poppa, Cian si limita a controllare l’avversario, che strappa anche lo spi. Shosholoza festeggia la sua prima regata della LVC per 01.10.
Un’altra vittoria ‘facile’ per Luna Rossa che, tolta la prima bolina, più faticosa, è sempre stata comodamente davanti a Victory Challenge. Holmberg fa una bella partenza ma non riesce a impensierire la barca italiana che si allunga presto sulla destra del campo. Alla prima boa, il vantaggio per Spithill è di soli 8” ma aumenta a 39” al cancello di poppa. Da quel momento, Spithill gestirà la regata sino alla vittoria.
Aggressivo oltre il necessario l’esordio di Jablonski in Louis Vuitton Cup: in prepartenza, il timoniere di Desafío Español 2007 prende una penalità per non aver rispettato le mure a dritta di + 39 Challenge, una delle regole base del regolamento di regata. Ma le speranze per il team italiano durano poco: ESP 97 è molto veloce e riuscirà a pagare la penalità, conservando il vantaggio su + 39 Challenge. Alla prima boa Jablonski è già in vantaggio e lo manterrà sino alla vittoria del match.
Ringalluzziti dall’eccellente vittoria sui kiwi, i ‘Mascalzoni’ bissano, battendo Areva Challenge, dopo una regata relativamente facile. Barca, velocità, tattica e manovre: Mascalzone Latino Capitalia Team non ha sbagliato nulla!

FLIGHT 1
1 Mascalzone Latino Capitalia Team batte Emirates New Zealand 00:15
2 Areva Challenge batte + 39 Challenge 01.09
4 BMW ORACLE Racing batte United Internet Team Germany 02.00
5 Victory Challenge batte Team Shosholoza 00.46
6 Luna Rossa Challenge batte China Team 02.07
Match 3 riposo: Desafío Español 2007

FLIGHT 2
1 Desafío Español 2007 batte + 39 Challenge 02.45
2 Mascalzone Latino Capitalia Team batte Areva Challenge 01.41
4 Team Shosholoza batte United Internet Team Germany 01.10
5 BMW ORACLE Racing batte China Team 04.36
6 Luna Rossa Challenge batte Victory Challenge 01.07
Match 3 riposo: Emirates Team New Zealand

AmericasCupMedia
Redazione Velanet

SEZIONE NOTIZIE
  Notizie
Le notizie dal mondo della vela.
Ricerca le più datate in Archivio
Novità
Nuovi prodotti, iniziative, novità.
Ricerca le più datate in Archivio
InfoAziende
I comunicati degli operatori
 
ARGOMENTI
   
ARCIPELAGO
 
Logo Ala Charter
Logo Le Bateau Blanc
Logo Compagnia degli Skippers Oceanici
 
   Website info    |    Contatti copyright 1996-2023 / Velanet