Attendere prego, invio in corso
AREA OPERATORI               
Login Registrati»
Password?
Notizie
08/04/2007 - Concluso il Louis Vuitton Act 13

©ACM 2007/Photo:Carlo Borlenghi
Valencia, 7 aprile - Alinghi vince per la quarta volta consecutiva le regate di flotta (il record del Defender è impressionante: otto Act vinti su 13 disputati!) ed Emirates Team New Zealand in testa alla Louis Vuitton Ranking dei challenger: sono queste le notizie 'clou' della giornata conclusiva che ne abbraccia, però, moltissime altre.
A cominciare dalla grande prestazione di Mascalzone Latino Capitalia Team che, grazie ad una condotta di regata impeccabile - e che ha lasciato a bocca a porta molti competitor - siede al terzo posto nella classifica dell'Act (per la prima volta davanti a Luna Rossa) e al quinto della LV Ranking.
Ma non possiamo non parlare della grande vittoria di Desaf√≠o Espa√Īol 2007, festeggiata in tutto il paese, e della bellissima prova di Alinghi nella seconda regata del giorno, un'ulteriore conferma della straordinaria bravura del Defender. Luna Rossa non pu√≤ certamente lamentarsi, dato siede al terzo posto della LVR, con 3 punti bonus.

Nonostante il tempo molto incerto, oltre 230mila persone hanno visitato l'America's Cup Park (contando anche la giornata di sabato) e venerdì si è avuta la presenza- record per Valencia - di oltre 63mila visitatori. Questo pomeriggio il team Alinghi ha ricevuto il Trofeo per il vincitore dell'Act appena disputato di fronte a centinaia di persone accorse per l'occasione.
Questa d'altronde è l'ultima occasione per vedere il Defender della 32ma America's Cup in azione. Da domani Alinghi entrerà in 'isolamento' e potrà unicamete allenarsi 'in house', aspettando di conoscere il challenger vincitore della Louis Vuitton Cup.

REGATA 6
Dopo un'ora e un quarto di ritardo, la sesta regata del Valencia Louis Vuitton Act 13 parte con un vento di circa 8-10 nodi, nuvoloni e mare poco mosso. Dopo due giorni di pioggia intensa, non è poi così male... Shosholoza è costretta a ripetere lo start perché in anticipo sulla linea.
Jablonski - che sfoggia una maglia con scritto 'Alleluja', il suo motto - domina la regata sin dalla partenza senza mai perdere il controllo. ESP 97 (che questa mattina ha ricevuto un nuovo certificato di stazza dopo aver subito alcuni cambiamenti) si conferma potentissima mentre Luna Rossa (anch'essa modificata e con nuovo certificato) stenta a tenere il passo dei grandi: dopo un'ottima bolina, ESP 97 gira in testa, seguita da Alinghi (21" dietro), ETNZ e BMW ORACLE Racing. I Mascalzoni sono sesti e Luna Rossa settima.
La poppa vede un aumento del vento e la Spagna sempre in controllo. Al cancello, la pressione sui tattici aumenta: quale lato del campo sarà favorito per l'ultima bolina? Jablonski sceglie la destra. Così faranno Ed Baird e Ben Ainslie, rispettivamente 25"e 50" dietro. Gli italiani non brillano in questo lato: Mascalzone è settimo (oltre 1 minuto di ritardo) e Luna Rossa addirittura decima (oltre 3 minuti di ritardo).
Alla seconda boa, le prime tre posizioni non cambiano mentre Favini riesce a recuperare una postazione e Dickson scivola al sesto posto. Luna Rossa è ottava e a peggiorare le cose, esplode lo spi subito dopo l'issata. Bella regata per gli svedesi che girano quarti e per Shosholoza, che recupera il ritardo accumulato in partenza e si trova settima.
L'ultima poppa vede Alinghi attaccare da dietro Desaf√≠o Espa√Īol 2007 ma senza trovare l'occasione per il sorpasso. Alla strambata di Alinghi, Jablonski risponde con una manovra pi√Ļ lenta e incerta ma questo non compromette l'esito... bellissima vittoria per il 'team di casa'. Alinghi taglia con 7" di svantaggio; terzo √® ETNZ. Mascalzone Latino Capitalia Team √® quinto mentre Luna Rossa √® ottavo. Deludente anche il team americano, sesto al traguardo.

REGATA 7
Ancora una lezione di grande vela da parte di Alinghi, che partito in ritardo (circa 15") riesce, navigando sempre insieme al vento, a recuperare e a vincere la seconda prova! Allo start la flotta si compatta verso la barca comitato, tranne i cinesi, che scelgono la sinistra del campo per evitare complicazioni. Alinghi e UITG tagliano in ritardo in barca e virano immediatamente mure a sinistra. Ottima la tattica dell'equipaggio americano che intuisce per primo un salto di vento sull'estremità destra, guadagnando qualcosa sulla flotta. Alla fine della bolina, BMW ORACLE guida un gruppetto di testa, formato da Desafio e Luna Rossa. Alla boa di bolina l'arrivo è concitato: per primo gira USA 87 seguito da ESP 97 e da Luna Rossa. Ma la barca spagnola viene penalizzata per aver virato nelle 'acque italiane'. Non conte nto, Jablonski prende una seconda penalità imediatamente dopo, per una poggiata violenta su Areva. Peccato per Desafio che compromette, con un comportamento troppo aggressivo, una regata dall'esito non scontato.
Nel frattempo, la flotta procede in poppa; per l'ennesima volta, Alinghi recupera con facilità il ritardo accumulato in partenza e si getta all'inseguimento di Dickson, insieme con Luna Rossa. Il vento scema sul campo e le barche 'issano' trinchette e strateghi! Chris Dickson mantiene il vantaggio al cancello e sceglie la destra. Faranno lo stesso una grande Luna Rossa (17" dietro) e Alinghi, che virerà immediatamente verso la sinistra del campo. Grande confusione nel resto della flotta: se i Mascalzoni girano 'indenni' quarti, ETNZ passa un brutto momento con lo spi ancora gonfio in bolina: un errore mai visto sulla barca kiwi!
La seconda bolina vede ancora Dickson respingere gli attacchi di Luna Rossa, che non intende 'mollare' sulla destra del campo. Ma il vento salta sulla sinistra dove, guarda un po', solitario e indisturbato, naviga Alinghi... il defender incrocia con agilità USA 87 e ITA 94 e si dirige sulla destra estrema del campo. All'ultima boa di bolina, sarà SUI 91 in testa, seguita da USA 87, dall'ottimo Mascalzone, che recupera una posizione, e da Luna Rossa.
Niente cambia nel lato finale, dove il Defender della 32ma America's Cup guida la flotta senza difficoltà. Primo al traguardo è ancora Alinghi, seguito da BMW Oracle Racing e da Mascalzone Latino Capitalia Team. Luna Rossa è quarta.

Valencia Louis Vuitton Act 13 - Classifica
1 Alinghi (SUI 91) 78
2 Emirates Team New Zealand (NZL 84) 64
3 Mascalzone Latino-Capitalia (ITA 99) 63
4 Luna Rossa Challenge (ITA 94) 60
5 BMW ORACLE Racing (USA 87) 57
6 Desaf√≠o Espa√Īol 2007 (ESP 97) 55
7 Team Shosholoza (RSA 83) 43
8 Victory Challenge (SWE 96) 35
9 Areva Challenge (FRA 93) 31
10 United Internet Team Germany (GER 89) 29
11 +39 Challenge (ITA 85) 17
12 China Team (CHN 95) 15

Al termine del Valencia Louis Vuitton Act 13, è stata stilata la Louis Vuitton Ranking per i challenger, come stabilito dal Valencia Plan. In cima alla classifica c'è Emirates Team New Zealand. Il team kiwi, che ha vinto il Louis Vuitton ACC Season Championship sia nel 2004 sia nel 2006, ha concluso l'Act 13 con 158 punti e riceverà 4 bonus point.
Al secondo posto c'√® BMW ORACLE Racing che, con 147 punti, supera Luna Rossa in classifica; un 'sorpasso' che incide pi√Ļ sul morale del team che sul tabellone, dato che sia al team italiano, sia a BMW ORACLE Racing e a Desaf√≠o Espa√Īol 2007 (quarto in classifica), verranno assegnati 3 bonus point.
Non ce l'ha fatta Mascalzone Latino Capitalia Team a saltare nel gruppo superiore e a guadagnare quel punto extra cui tanto teneva. Quinto in classifica con 103 punti, il team italiano si deve accontentare di 2 bonus point, come Shosholoza (che dal nono posto sale al settimo), Victory Challenge e + 39 Challenge*.
Nel gruppo di coda, ci sono Areva Challenge (che scade dal settimo all'ottavo), United Internet Team Germany e China Team, con 1 bonus point a testa.

Come funziona la Louis Vuitton Ranking e a che cosa serve
La Louis Vuitton Ranking serve per assegnare ai challenger dei punti bonus con i quali inizieranno la Louis Vuitton Cup. Nel rispetto della Ranking, il team al primo posto guadagna 4 punti bonus, il secondo, il terzo e il quarto ne guadagnano 3 ciascuno. Il quinto, il sesto e il settimo ne guadagnano 2 a testa e i rimanenti team (ottavo, nono, decimo e undicesimo) ne guadagnano 1 a testa. (*)
Questi punti sono una sorte di 'dote' con la quale i team iniziano la Louis Vuitton Cup. Ogni vittoria nei due Round Robin assegna 2 punti. Alla fine dei gironi eliminatori, soltanto i primi quattro team avanzeranno alle semifinali mentre gli altri saranno eliminati; ecco perch√© iniziare la serie eliminatoria con dei punti in pi√Ļ √® molto utile.
La Louis Vuitton Ranking sarà anche utilizzata per risolvere determinate parità, ma se tale parità dovesse mettere in discussione la 'sopravvivenza' di un team nella LVC, sarà organizzata una regata di spareggio.

Il Round Robin One della Louis Vuitton Cup inizierà il 16 aprile.
Il vincitore della Louis Vuitton Cup incontrerà il defender Alinghi nel 32mo Match di America's Cup, che inizierà il 23 di giugno.

Louis Vuitton Ranking Definitiva
Team - Ranking Point Complessivi - Bonus Points
1 Emirates Team New Zealand - 158 - 4
2 BMW ORACLE Racing - 147 - 3
3 Luna Rossa Challenge - 145 - 3
4 Desaf√≠o Espa√Īol 2007 - 106 - 3
5 Mascalzone Latino-Capitalia - 103 - 2
6 Victory Challenge - 83 - 2
7 Team Shosholoza - 73 - 2
8 Areva Challenge - 72 - 1
9 +39 Challenge - 66 - 2*
10 United Internet Team Germany - 42 - 1
11 China Team (CHN 95) - 18 - 1
*+ 39 Challenge ottiene un punto extra come risarcimento

AmericasCupMedia
Redazione Velanet

SEZIONE NOTIZIE
  Notizie
Le notizie dal mondo della vela.
Ricerca le più datate in Archivio
Novità
Nuovi prodotti, iniziative, novità.
Ricerca le più datate in Archivio
InfoAziende
I comunicati degli operatori
 
ARGOMENTI
   
ARCIPELAGO
 
Logo Riviera Vento
Logo Centro Nautico Levante
Logo Agenzia Del Porto
 
   Website info    |    Contatti copyright 1996-2023 / Velanet