Attendere prego, invio in corso
AREA OPERATORI               
Login Registrati»
Password?
Notizie
04/04/2007 - Valencia Louis Vuitton Act 13

+39 Challenge
Photo credit: © Fabio Taccola
Valencia, 3 aprile - Chi si aspettava una regata 'pro forma' sarà rimasto deluso: il Valencia Louis Vuitton Act 13 è iniziato 'alla grande' e non ha lesinato sorprese sia in acqua sia in cartellone. Occhi puntati sulle nuove barche, soprattutto le tre italiane.
Dopo l'unveiling di domenica tutti si chiedevano come si sarebbero comportati scafi così diversi tra loro, nelle condizioni di oggi. La giornata, iniziata con aria leggera, attraversata da un temporale, e terminata con brezza debole e ballerina, ha offerto la gamma completa di variabili meteo!

Dopo una prima prova molto complessa tatticamente, il Comitato di Regata ha atteso sino alle ore 18.00 (limite massimo per il warning signal) e poi ha deciso di cancellare la seconda regata a causa del vento variabile sul campo di gara.

Tirare delle conclusioni dopo la giornata odierna, sarebbe sbagliato perchè, più che la velocità delle barche, hanno vinto la tattica e la capacità di fiutare il vento per primi.

A parte ITA 85, che è la vincitrice simbolica, meritano i complimenti Mascalzone Latino Capitalia Team (che non è mai sceso sotto il quarto posto e ha chiuso terzo), Areva Challenge (grande esordio al timone per Sebastien Col, numero uno nella ranking mondiale di match racing), RSA 83 (seconda in classifica di giornata) e, a sorpresa, i tedeschi di Jesper Bank, che hanno avuto un comportamento costante. I big team non hanno brillato: tolto il Defender, che grazie ad un'ottima scelta tattica ha recuperato una partenza deludente, le prestazioni di USA 87, NZL 84, ESP 97 e ITA 94 rimangono sconosciute...

REGATA 1
Start leggermente ritardato ma interessante: il Defender Alinghi, con l'americano Ed Baird al timone (ed Ernesto Bertarelli nel pozzetto), taglia la linea in anticipo ed è costretto a ripetere la partenza, 'schiacciato' in barca comitato. I 'rimanenti tre Big' della flotta scelgono l'estremità sinistra del campo ma non si accorgono di un salto di vento dalla parte opposta. Il primo a fiutare l'aria nuova è Iain Walker, tattico di + 39 Challenge che chiede a Percy di portare ITA 85 in quella direzione. La scelta paga e la barca italiana (che è uscita ieri sera in mare verso le 21.00 per testare il nuovo albero) si ritrova presto in testa alla flotta.
Mascalzone Latino Capitalia Team, magnificamente portata da Flavio Favini, non riesce ad impedire il sorpasso di + 39 Challenge, che arriva davanti alla prima boa. Seguono, in ordine, MLCT (23" di svantaggio), FRA 93, Alinghi (capace di un ottimo recupero)... Luna Rossa è nona (1'20") mentre BMW ORACLE Racing e ETNZ sono dietro ITA 94.
La poppa vede Percy deciso a difendere il vantaggio guadagnato, giocando sui salti di vento. L'aria gira a 165°, costringendo il comitato a cambiare il percorso. Al cancello è ancora Percy al comando, seguito da MLCT, da Areva Challenge, da Jesper Bank, sulla nuova GER 89, e da una veloce e potente Shosholoza. Luna Rossa è 7°, appena dietro Alinghi. Il vento aumenta nella seconda bolina e comincia a piovere mentre la regata diventa più aggressiva. ITA 85 riesce a girare ancora in testa all'ultima boa di bolina, seguito da Areva Challenge, da Mascalzone Latino Capitalia Team e da Alinghi. Al centro del campo ITA 85 prosegue verso il traguardo.
Ma dopo il passaggio del fronte, il vento cala di colpo e cambia bruscamente direzione, scompigliando la scacchiera: + 39 strappa lo spi e mette fine alla sua corsa, mentre sia Chris Dickson sia Ed Baird recuperano terreno. Incrocio mozzafiato tra USA 87 e SUI 91 a favore della barca americana che riesce a vincere la prima prova della giornata. Lotta feroce per la seconda posizione, conquistata da un aggressivo Paolo Cian al timone di Shosholoza davanti ai 'Mascalzoni'.
Esordio poco felice per l'olimpionico Ben Ainslie che, al timone di TNZ 92, chiude al quinto posto dopo una regata poco convincente; delusi anche il Defender (quarto) e Spithill sulla nuova ITA 94, solo settimo e dietro i tedeschi. Percy deve accontentarsi della decima posizione. Un problema allo spinnaker costringe gli svedesi a tagliare per ultimi, lasciando a China Team l'undicesima posizione.

Valencia Louis Vuitton Act 13 - Risultati provvisori e classifica
(posizione di arrivo / punti assegnati)
1 BMW ORACLE Racing (USA 87) 1/12
2 Team Shosholoza (RSA 83) 2/11
3 Mascalzone Latino-Capitalia (ITA 99) 3/10
4 Alinghi (SUI 91) 4/9
5 Emirates Team New Zealand (NZL 84) 5/8
6 United Internet Team Germany (GER 89) 6/7
7 Luna Rossa Challenge (ITA 94) 7/6
8 Desafío Español 2007 (ESP 97) 8/5
9 Areva Challenge (FRA 93) 9/4
10 + 39 Challenge (ITA 85) 10/3
11 China Team (CHN 95) 11/2
12 Victory Challenge (SWE 96) 12/1

AmericasCupMedia
Redazione Velanet

SEZIONE NOTIZIE
  Notizie
Le notizie dal mondo della vela.
Ricerca le più datate in Archivio
Novità
Nuovi prodotti, iniziative, novità.
Ricerca le più datate in Archivio
InfoAziende
I comunicati degli operatori
 
ARGOMENTI
   
ARCIPELAGO
 
Logo SkipperClub
Logo Centro Nautico Levante
Logo Sud Ovest
 
   Website info    |    Contatti copyright 1996-2023 / Velanet