Attendere prego, invio in corso
AREA OPERATORI               
Login Registrati»
Password?
Notizie
26/02/2023 - Partita la tappa 3 di The Ocean Race

Photo credit: © Sailing Energy / The Ocean Race

È stata una partenza folle e incredibile, una sorta di "stop-go", quella della Leg 3 di The Ocean Race nelle acque della Table Bay, con le cinque barche della flotta IMOCA che hanno preso il via per l'avventura lunga oltre 12.750 miglia verso Itajaí, in Brasile.

La regata è iniziata con due giri e mezzo su un percorso inshore per dare alla folla che si assiepava sulla costa di Città del Capo l'opportunità di ammirare queste barche foiling prima del grande blu dell'Oceano Meridionale.

L'avvistamento di un branco di tre balene nell'area di partenza prevista, ha costretto il comitato di regata a modificare in extremis il campo di regata. Poiché la linea di partenza risultava condizionata dal ridosso della Table Mountain, la flotta si è trovata con pochissimo vento mentre i secondi allo start scorrevano inesorabili.

Gli skipper devono essersi domandati perché avessero dato tutti due mani di terzaroli alla randa. Quando è stato sparato il colpo di cannone, la barca più vicina alla partenza era Biotherm. Le altre quattro barche erano ferme, a poco più di cento metri di distanza.

In poco tempo il team guidato da Paul Meilhat è riuscito a raggiungere i 25 nodi di vento che soffiavano dalla Table Mountain e Biotherm è partito con un vantaggio impressionante, mentre il resto della flotta tagliava la linea di partenza ben dopo il segnale del via.
Biotherm ha continuato ad allungarsi fino a raggiungere un vantaggio di quasi 600 metri sul resto della flotta, che alla fine ha agganciato un vento intorno ai 25 nodi e ha accelerato fino a raggiungere velocità di 30 nodi e oltre.
Team Malizia ha tagliato la linea di partenza in seconda posizione, seguito da GUYOT environnement Team Europe, mentre 11th Hour Racing Team ha preceduto di poco Team Holcim PRB.
Ma mentre Biotherm completava il primo giro del percorso, Meilhat ha visto la velocità della sua barca scendere da oltre 20 nodi a meno di 2, mentre il ridosso della Table Mountain faceva sentire la sua non gradita presenza. L'intera flotta si è compattata e il vantaggio apparentemente inattaccabile di Biotherm è svanito nel nulla.

Team Malizia è stato il primo a ritrovare di nuovo il vento all'inizio del secondo giro, inseguito da 11th Hour Racing Team. Nel frattempo, Biotherm è sceso dal primo all'ultimo posto, visto che il team di Meilhat è stato superato sia da Holcim-PRB che da GUYOT environnement Team Europe.

Quando la flotta è rientrata nell'aria, si è assistito a un'altra poppa rafficata e al limite della sicurezza, con le barche che si sono limitate a mantenere il controllo nelle condizioni di vento forte e irregolare. In alcuni momenti, due mani terzaroli non sembravano sufficienti e le barche sembravano quasi soprainvelate.

Biotherm ha poi avuto un problema e si è capito che il team stava faticando a controllare. Con una chiamata via radio al Comitato di Regata, il team ha sospeso la regata per rientrare in porto ed effettuare le riparazioni necessarie.
"Abbiamo rotto lo stroppo della scotta della randa", ha detto Paul Meilhat all'arrivo in banchina. "Poi la scotta della randa è andata a fine corsa in strambata, si è sfilata dal trasto ed abbiamo perso tutte le sfere del carrello. Abbiamo quindi dovuto intervenire per effettuare una riparazione e sostituirle. Non dovremmo perdere molto tempo se la facciamo ora. Non è un grosso problema, ma dobbiamo risolverlo".

Poi è toccato a 11th Hour Racing Team, che si è visto costretto a sospendere la regata a causa di un problema a una stecca della randa. Il team americano ha scelto di rimanere in mare per effettuare le riparazioni e scontare il periodo minimo di due ore di stop.
"Abbiamo rotto due puntastecche della randa", ha dichiarato il CEO del team Mark Towill. "Abbiamo due pezzi di rispetto a bordo, quindi potremmo effettuare la riparazione, ma questo ci lascerebbe senza alcun pezzo di ricambio per l'oceano meridionale. Quindi imbarcheremo i ricambi per affrontare la tappa più lunga... Questa è la cosa più prudente da fare".

Biotherm potrà riprendere a regatare alle 15.05 UTC, 11th Hour Racing Team alle 15.07 UTC.

Intanto, al largo di Città del Capo, Team Malizia è stato il primo a ritrovare un vento sul promontorio e ha iniziato a entrare nel vivo nella Leg 3, insieme a Team Holcim PRB e GUYOT environnement Team Europe.
Le previsioni indicano che la flotta incontrerà venti tra i 25 e i 30 nodi con onde di 2-3 metri. La Leg 3 si sta confermando impegnativa fin dalle prime ore.

Con le sue 12.750 miglia, la Leg 3 di questa edizione di The Ocean Race sarà la più lunga di sempre nei 50 anni e 14 edizioni dall'inizio della regata. Domenica, a mezzogiorno, quando le barche lasceranno il molo di Città del Capo, il momento della partenza sarà il più emozionante per amici e familiari. La flotta si dirige verso le acque più remote del pianeta e la posta in gioco è molto alta. Ci saranno lacrime quando i velisti partiranno per un'avventura che si prevede duri più di un mese.

Charlie Enright, che ha partecipato due volte alla regata e che è lo skipper di 11th Hour Racing Team, ha dichiarato: "Quando è stato annunciato la rotta di questa edizione della regata, tutti si sono subito concentrati su questa tappa considerandola la più importante. Una tappa che durerà tra i 30 e i 40 giorni".

Ci sono validi motivi per amare e odiare l'Oceano Meridionale. Anche in primavera nell'emisfero meridionale, a latitudini così basse può fare un freddo terribile. Abbastanza freddo da rendere gli iceberg una minaccia da monitorare con i radar. Per lunghi periodi, durante la navigazione tra il Capo di Buona Speranza e Capo Horn, si è a più di mille miglia da qualsiasi altro essere umano. Tranne che per gli astronauti che si trovano a circa 250 miglia di distanza a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Ma l'Oceano Meridionale è anche il sogno di ogni velista. Un'avventura straordinaria in cui ci si può divertire a surfare su onde gigantesche per settimane e settimane. "Il sud può essere incredibile", spiega Enright. "Cioè, ci sono forti venti da ovest senza una boa sottovento, il sogno di ogni velista, e si può andare in poppa per sempre. Ma è anche uno dei luoghi più insidiosi del mondo". Nelle due precedenti edizioni della regata abbiamo avuto entrambe le situazioni. Nel 2014/15 eravamo un gruppo di giovani e ritrovarci a guidare la flotta a Capo Horn è stato un momento magico. Ma nell'edizione successiva della regata abbiamo disalberato a circa 50 miglia da Capo Horn. Quindi l'Oceano del Sud può dare e può anche prendere".

Paul Meilhat, skipper di Biotherm, si è iscritto tardi a The Ocean Race. Lo skipper francese ha pensato di non avere molto tempo per accumulare il tipo di esperienza necessaria a bordo, ma la Leg 3 ha contribuito a convincere gli altri velisti IMOCA a far parte dell'equipaggio. "Quando ho annunciato il progetto e ho detto che stavo cercando dei membri dell'equipaggio, tutti mi hanno chiesto di fare questa tappa. È la tappa di cui tutti, pubblico e giornalisti, parlano perché costituisce quasi la metà della regata in termini di miglia ed è la più lunga nella storia della regata. Quindi, sì, è una tappa cruciale.

"Ma non dobbiamo dimenticare che avremo 10 coefficienti [di punteggio]. È una parte importante della regata, ma non dobbiamo concentrarci solo su questa tappa, bensì su tutta The Ocean Race. Per questo l'obiettivo più importante è arrivare a Itajaí per poter portare a termine la regata".

Anche gli altri due skipper francesi sono consapevoli dell'importanza di questa tappa nel determinare l'esito di The Ocean Race tra quattro mesi. Né Kevin Escoffier né Benjamin Dutreux danno per scontati i risultati delle prime due tappe. Escoffier e il Team Holcim PRB hanno ottenuto due vittorie di tappa lungo l'Atlantico, ma non danno per scontati i loro primi successi, mentre Dutreux e GUYOT environnement - Team Europe sono arrivati ultimi in entrambe le tappe di apertura.

Dutreux è convinto che il tabellone non rappresenti il livello di prestazioni molto più omogeneo della flotta. Dopotutto, team GUYOT ha mantenuto il comando per gran parte della seconda tappa. "Sono molto soddisfatto dell'inizio della regata, anche se il ranking non lo indica", ha dichiarato Dutreux, che ha saltato la seconda tappa da Capo Verde. "Il tabellone è fatto solo di numeri, ma io credo che il livello sia molto alto e che la flotta sia molto compatta. Siamo in lotta con le altre barche e il nostro punteggio non è buono, ma sono molto contento della forza e dell'impegno che dimostriamo nella conduzione della barca, e questo è il fattore più importante. Sento che stiamo facendo buoni progressi e non vedo l'ora di tornare a bordo e di lottare per il 20% della regata in questa tappa pazzesca".

Lo skipper di Team Holcim PRB Kevin Escoffier sembra energico come al solito, anche se non se lo sente del tutto. "A Città del Capo ci siamo riposati un po', ma non abbastanza. Avrei voluto trascorrere più tempo qui e per lo shore crew è stato difficile preparare la barca in tempo per la prossima tappa. Mancano ancora molte prove. Come ha detto Paul [Meilhat], la cosa più importante è arrivare a Itajaí. Quando siamo partiti da Alicante, a gennaio, spingevamo già la barca al 100% di quello che pensavamo di poter raggiungere, forse anche di più. Non so se stiamo forzando troppo la barca. Penso che sia stato abbastanza facile in Atlantico, perché abbiamo dei riferimenti da altre esperienze in questa zona. La prossima tappa, nell'Oceano meridionale, sarà completamente diversa. Dobbiamo trovare un nuovo assetto della barca, per trovare una buona velocità media senza forzare troppo. Su Team Holcim PRB non abbiamo mai fatto 30 giorni di fila in mare. È un'incognita, ma non vediamo l'ora".

Lo stesso vale per Boris Herrmann di Team Malizia, che non nega che la sua barca sia stata costruita pensando all'Oceano Meridionale. "Non si può fare una barca che sia adatta a tutte le condizioni di vento e di onda", ha detto lo skipper tedesco. "Ma la poppa con vento forte sono le condizioni per le quali noi e i nostri progettisti VPLP abbiamo progettato questa barca. Spero che riusciremo a approfittarne nella Leg 3 e a dimostrare che la barca è adatta a queste condizioni nell'Oceano Meridionale".

Herrmann sottolinea inoltre che è necessario cambiare mentalità quando si lascia l'Atlantico per dirigersi verso sud. "Quello che stiamo per fare, credo sia davvero l'apice di The Ocean Race questa volta e sarà molto diverso dalle altre tappe. È quasi un altro tipo di vela o di regata. In Atlantico siamo abituati a regatare a distanza ravvicinata e a concentrarci sempre sulle prestazioni. Ma navigare nell'Oceano Meridionale è anche una grande avventura.

"Se dovessimo aver bisogno di soccorso, una nave da guerra potrebbe impiegare 10 giorni per arrivare in queste regioni e venire in aiuto. Siamo a migliaia di chilometri di distanza dalla terra più vicina. Siamo davvero isolati".

Credit: Press The Ocean Race
Redazione Velanet

SEZIONE NOTIZIE
  Notizie
Le notizie dal mondo della vela.
Ricerca le più datate in Archivio
Novità
Nuovi prodotti, iniziative, novità.
Ricerca le più datate in Archivio
InfoAziende
I comunicati degli operatori
 
ARGOMENTI
   
ARCIPELAGO
 
Logo Sud Ovest
Logo Compagnia degli Skippers Oceanici
Logo Utopia
 
   Website info    |    Contatti copyright 1996-2023 / Velanet