Attendere prego, invio in corso
AREA OPERATORI               
Login Registrati»
Password?
Notizie
07/05/2015 - VOR: Dongfeng Race Team vince la sesta tappa

Photo credit: © Billie Weiss / Volvo Ocean Race

Un altro finale al cardiopalma per la sesta tappa. I franco/cinesi di Dongfeng Race Team con lo skipper Charles Caudrelier, si sono aggiudicati la loro seconda vittoria nella Volvo Ocean Race con soli tre minuti e 25 secondi di vantaggio su Abu Dhabi Ocean Racing con cui hanno combattuto fino agli ultimi metri in un vero match-race nella baia di Nagarasset. Terzi gli olandesi di Team Brunel, arrivati meno di un'ora dopo, e quarti gli spagnoli di MAPFRE.

Dongfeng Race Team ha tagliato la linea del traguardo di Newport, nello stato del Rhode Island, alle 22.03 locali (le 4.03 del mattino italiane) di oggi 7 maggio 2015, dopo 17 giorni e 9 ore di navigazione. In seconda posizione, solo tre minuti e 25 secondi più tardi ha concluso il leader della classifica generale Abu Dhabi Ocean Racing, guidato dall'olimpionico britannico Ian Walker, mentre in terza posizione sono giunti gli olandesi di Team Brunel con lo skipper Bouwe Bekking e quarti gli spagnoli di MAPFRE guidati da Xabi Fernandez.

Per Charles Caudrelier, questa vittoria ha un gusto speciale dopo la rottura dell'albero di cui Dongfeng Race Team è stato vittima nella quinta tappa e che ha costretto la barca al ritiro. Poi una vera corsa contro il tempo per poter essere sulla linea dello start della sesta tappa, con il nuovo albero montato solo tre giorni prima della partenza. Alla vigilia, con un distacco di sette punti da Abu Dhabi Ocean Racing nella classifica generale, Caudrelier e i suoi uomini avevano un solo obiettivo: vincere questa tappa e le successive per riavvicinarsi al team degli Emirati. Ma, solo poche ore dopo la partenza, su Dongfeng un nuovo problema tecnico che avrebbe potuto mettere a repentaglio le ambizioni dell'equipaggio franco/cinese: la rottura del dissalatore elettrico di bordo, vitale per produrre l'acqua dolce necessaria a idratarsi e cucinare i cibi liofilizzati. Fortunatamente, la riparazione effettuata da Kévin Escoffier terrà e l'eventualità di dover fare un pit stop tecnico sarà scongiurata 36 ore dopo. Dongfeng rientrerà quinti pienamente in gara per dar vita a una emozionante battaglia con Abu Dhabi Ocean Racing e Team Brunel che si concluderà solo sulla linea d'arrivo di Newport.

Un felice skipper Charles Caudrelier non appena tagliata la linea ha dichiarato: “Sono molto orgoglioso del mio gruppo, specialmente dello shore team. Il nostro obiettivo per questa tappa era essere pronti a Itajaì e il team ha fatto un lavoro fantastico. Voglio dedicare a loro questa vittoria. Sono veramente, veramente felice.” Caudrelier ha aggiunto che la tappa è stata: “Molto dura, è successo almeno dieci volte che quello che eravamo riusciti a guadagnare si perdesse e gli altri si rifacevano sotto. Non siamo stati molto fortunati, ogni volta che avevamo un po' di vantaggio lo abbiamo perso. Devo congratularmi con Abu Dhabi Ocean Racing, hanno fatto un grande recupero. Anche nelle ultime ore, ci hanno passato ma poi siamo riusciti a a ripassarli.” Alla domanda su quale sia stato il segreto della vittoria, lo skipper transalpino ha risposto: “E' stato un vero lavoro di squadra, sono orgoglioso del miglioramento di tutti, e dei ragazzi cinesi. In questa tappa c'era praticamente una scelta tattica da fare ogni giorno, ma quello che ci ha salvato è stata una buona velocità.” A bordo dello scafo con bandiera cinese anche l'Onboard reporter Sam Greenfield, che vive proprio a Newport dove la Volvo Ocean Race fa scalo per la prima volta nella sua storia, è stato dunque il primo statunitense a vincere una tappa nella località del Rhode Island.

Solo tre minuti e 25 secondi dopo l'arrivo di Dongfeng è stato il leader della classifica generale Abu Dhabi Ocean Racing a tagliare il traguardo di Newport, un risultato che consente a Ian Walker e al suo equipaggio di mantenere la leadership. “Tutto bene.” Ha detto lo skipper britannico. “Abbiamo passato gli ultimi giorni sperando di riuscire a rimanere al secondo posto. Per noi questa è la cosa più importante, ovviamente ci sarebbe piaciuto vincere, ma finire secondi era cruciale. Siamo molto soddisfatti. Penso che questa sia stata la nostra tappa migliore finora.” Walker ha anche voluto congratularsi con gli avversari. “Congratulazioni a Charles e al suo equipaggio, specialmente ai ragazzi cinesi. Hanno corso una tappa fantastica e la loro è una vittoria davvero meritata.”

Qualche ora più tardi sono arrivati a Newport Team Alvimedica e l'equipaggio femminile di Team SCA.

Stanchi, un po' delusi ma molto orgogliosi. Lo skipper Charlie Enright e il suo equipaggio, fra cui l'unico italiano alla Volvo Ocean Race Alberto Bolzan, sono giunti nelle prime ore del mattino a Newport accolti da moltissimi appassionati, corsi a festeggiarli per l'arrivo nelle acque di casa malgrado un clima non proprio primaverile. Quinto posto di tappa per loro e quarto nella classifica generale. Nel pomeriggio ha raggiunto Newport anche l'equipaggio femminile di Team SCA.

Il giovane skipper Chalie Enright è nato a Bristol, non lontano da una delle capitali mondiali dello sport della vela, Newport, ma ha imparato molto di quello che sa proprio nella Narrangansett Bay dove questa mattina ha tagliato il traguardo della sesta tappa della Volvo Ocean Race in quinta posizione. L'arrivo di Team Alvimedica, atteso con trepidazione dal pubblico locale, è stato dolorosamente ritardato da condizioni di vento leggerissimo, a tratti inesistente, mentre la temperatura nella baia calava in maniera drastica. Fattori che però non hanno scoraggiato i sostenitori dell'unico team nordamericano, che hanno atteso pazientemente nel Race Village per poter salutare il team di casa.

Enright e il suo equipaggio, di cui fa parte anche l'unico velista italiano di questa edizione del giro del mondo il friulano Alberto Bolzan, puntavano a ottenere la loro prima vittoria di tappa proprio in casa, ma purtroppo così non è stato. Il team con bandiera turco/americana è stato in gara fino alle fasi finali, ma nelle ultime 24 ore ha dovuto cedere il passo a Team Brunel e MAPFRE, accontentandosi del quinto posto.

Gli olandesi sono giunti meno di un'ora dopo i primi due, Dongfeng e Abu Dhabi, un risultato che tuttavia ha lasciato un po' di amaro in bocca allo skipper veterano Bouwe Bekking che, a caldo, ha dichiarato: “E' sempre bello salire sul podio, però la regata è persa. Abu Dhabi ha un vantaggio di punti per noi irraggiungibile, mentre Dongfeng ha ancora delle possibilità. Ora il nostro obiettivo è cercare di finire secondi nella classifica generale e vincere le In-Port Series."

Alle spalle di Team Brunel, gli iberici di MAPFRE che hanno lottato fino all'ultimo per cercare di strappare la terza piazza. “E' stata una tappa molto dura e molto lunga, a essere sinceri.” Ha detto lo skipper Xabi Fernández. “Abbiamo dovuto lottare sempre. Abbiamo commesso un paio di errori nella parte centrale, nel finale siamo andati bene però è stato impossibile recuperare sui leader.” Con il risultato della sesta tappa, gli spagnoli e Team Alvimedica si trovano ora in quarta posizione overall a pari punti, ma grazie a migliori risultati nelle In-port i turco-americani risultano quarti.

Il giovane skipper Charlie Enright, è apparso felice ed emozionato per l'accoglienza di Newport. “E' incredibile vedere quante persone ci hanno atteso, tanto a lungo e a un orario del genere. Non è il risultato che ci aspettavamo, ovviamente, ma è sempre bello tornare a casa.” L'equipaggio di Team Alvimedica continua comunque nel processo di apprendimento, basti pensare che fino a prima della giro del mondo Enright non aveva mai passato l'Equatore. “Abbiamo imparato moltissimo. Fin dal primo giorno siamo sempre stati indietro non avendo esperienza, ma abbiamo imparato tanto sulla barca, su come portarla, su come essere veloci, sulla tattica e sulla comunicazione. Ogni giorno apprendiamo qualcosa di nuovo. Credo sia normale perché avevamo di più da imparare rispetto agli altri e, sebbene, questo risultato non lo dimostri, anche questa tappa è stata un'esperienza importante. Un giorno riusciremo a vincere una tappa.”

Alle 15.59 di oggi (ora europea), sotto un solo splendente, hanno tagliato la linea del traguardo anche le veliste di Team SCA. “E' bellissimo arrivare qui.” ha detto la skipper Sam Davies. “Siamo davvero orgogliose perché pensiamo che questa sia la tappa migliore che abbiamo corso, malgrado abbiamo finito al sesto posto. siamo state una settimana in lotta con i leader, cosa che non era mai successa prima. A un certo punto sembrava quasi che faticassero a tenere il nostro passo. Ci lascia ben sperare per le prossime tre tappe. In un certo senso ci spiace perchè se potessimo tornare indietro alle prime due tappe con l'esperienza che abbiamo oggi, crediamo che faremmo molto meglio. Ma dobbiamo ancora scoprire un paio di segreti degli altri. Perchè ci sono ancora delle andature dove non riusciamo a tenere il loro passo. Voglio ringraziare tutto il team, anche quello di terra perché ha lavorato tanto in Brasile per farci correre con una barca in ottime condizioni.”

Con il risultato della sesta tappa la classifica generale provvisoria vede sempre in testa Abu Dhabi Ocean Racing con 11 punti, Dongfeng Race Team è secondo a 17 punti e Team Brunel occupa la terza posizione con 19 punti.

Articoli correlati: Volvo Ocean Race 2014-2015
Credit: Carla Anselmi – Italian media manager
Redazione Velanet

SEZIONE NOTIZIE
  Notizie
Le notizie dal mondo della vela.
Ricerca le più datate in Archivio
Novità
Nuovi prodotti, iniziative, novità.
Ricerca le più datate in Archivio
InfoAziende
I comunicati degli operatori
 
ARGOMENTI
   
ARCIPELAGO
 
Logo SkipperClub
Logo Centro Nautico Levante
Logo Sud Ovest
 
   Website info    |    Contatti copyright 1996-2012 / Velanet