NUMERO: 1836311903 | Lug - Dic 2012
SOMMARIO
MENU
Altro

Buon giorno, Naima.

Buon giorno, Naima, ben ritrovata.

 

È freddo oggi; piove. Siamo vicini a Natale, non è proprio tempo da barche e carrelli. Casomai da vacanze sulla neve. Ma se qualcuno avesse avuto l’idea di partire e di attraversare gli Appennini  con la barca al traino questo 17 dicembre, casualmente venerdì, sarebbe rimasto diverse ore bloccato sull’autostrada dalla neve e dal gelo. La stessa sorte l’avrebbe avuta chi voleva arrivare in treno dall’altra parte della penisola, perché gli scambi col freddo si bloccano, non ci sono più gli operai a liberarli con le fiaccole, e tantomeno sono stati predisposti sistemi automatici o elettronici. Sapete, i grandi manager non possono perdere tempo e soldi a occuparsi di sicurezza, è una spesa, non un utile, e solo gli utili aziendali fanno gonfiare i loro già grassi stipendi. Peccato che ogni tanto ci siano disagi, ma basta minimizzare o confrontarsi con altri paesi incivili. Peccato che ogni tanto ci scappa il morto o qualche ferito grave, ma tanto sono assicurati. Ma per questi delinquenti in giacca e cravatta, un po’ di sana galera no? È chiedere troppo? Evidentemente si. 

A volte mi chiedo se è il caso di mettere sul carrello la casa, invece della barca, in modo che una volta deciso, i tempi per espatriare siano minimi.

L’atteggiamento dovrebbe essere questo: - Mi dai un ambiente sociale invivibile? Restaci da solo. Io me ne vado in tre minuti -.

 

Invece resterò, anzi resteremo in tanti, cercando di impedire che tutto venga trasformato in spazzatura. Con un po’ di attenzione e  lungimiranza, possiamo tornare a godere di luoghi bellissimi, colmi di storia e di umanità.

 

Un barchino, una spiaggia, un po’ di tempo libero.

 

Non serve altro a noi appassionati di piccole barche a vela.  Non servono ristoranti  e alberghi di lusso,  spettacoli, ballerine, veline, calciatori o escort.

 

Il sole, il mare, un momento di serenità e siamo pronti a partire. Una veleggiata di un’ora, di un giorno, di qualche settomana per i più preparati, basta per sentirsi ricchi interiormente. Ricchi di quell’esperienza che può dare solo il contatto diretto con la natura e con gli affetti più cari.

 

Sperò che il 2011 porti finalmente a pensare diffusamente alla possibilità di progettare porti a secco per le piccole barche e a tutte quelle strutture che non devastano il territorio ma lo rendono fruibile alle persone normali, che lavorano onestamente e  che pagano tutte  le tasse. In quanto ai furbi, che infestano la nostra società in numero sempre maggiore, non posso che augurare di essere folgorati sulla via di Damasco e di cambiare finalmente vita. Ma quanta corrente elettrica ci vorrà? Quante Enel saranno necessarie? Mah!

 

Buon Natale e Felice Anno Nuovo a tutti.

 

Alfredo

 



19/12/2010 Alfredo Vincenti
vinceland@virgilio.it


Questa pagina è stata visualizzata n. 540 volte

1 Commenti


credits